· 

L' Armonia il Pieno e il Vuoto

 C’è una teoria degna di attenzione sul motivo per cui l’uomo è arrivato nel tempo a colmare quasi tutti gli spazi materiali e non materiali messi a sua disposizione sulla terra. In origine l’uomo del paleolitico, ha riempito le pareti delle grotte con le sue incisioni rupestri.

 

Colmava un vuoto per difendersi dallo spazio immenso del silenzio e della solitudine del mondo esterno. Aveva la paura del vuoto “E’ l’horror vacui, l'orrore del vuoto, che spinse l’uomo delle caverne a coprire di segni e disegni le nude superfici delle grotte.

 

Nella nostra esistenza quotidiana di oggi, nello stesso modo abbiamo la smania di riempire tutto e non lasciare neppure la più piccola pausa tra le cose, non solo nell'arte, ma anche negli eventi, nei rapporti umani, nei pensieri.”          Oggi si assiste ad una saturazione di tutti gli spazi vuoti, riempiti e ricolmi. 

 

Quale la soluzione? “L’orrore del vuoto, dovrebbe essere sostituito  con l’horror pleni, l'orrore del pieno che carica la nostra esistenza di tanti momenti di eccessivo pieno". Questo  ostacola i nostri pensieri, l'arte, i rapporti con gli altri, i sensi, gli eventi, le cose, e non ci fa sentire ed esprimere la bellezza.

 

"La soluzione è tornare ad una pausa naturale direi fisiologica, ad una sospensione tra le "cose" ad un'intervallo che ci appartiene e fa parte del nostro bagaglio umano."

 

Solo così si potrebbero riacquistare quelle qualità fantastiche oggi in gran parte perdute; solo così l’uomo potrebbe riottenere una diversa modalità di esistenza e trovare una nuova armonia.

 

Dal libro Artessenza  copyrights

Scrivi commento

Commenti: 0